Il lavoro di un attore

5 dicembre 2017

Francesco De Vito è un attore professionista, ha trasformato la sua passione in un vero lavoro ed è per questo fonte d’ispirazione per chiunque abbia lo stesso desiderio.
Fin da bambino ha amato il cinema e le emozioni che questo mezzo riesce a suscitare nello spettatore. In vista del workshop “Dal testo alla macchina da presa” che si terrà presso Rabbit Hole dal 19 al 21 gennaio 2018, Francesco De Vito ha accettato di lasciare una piccola intervista.

Spesso accade di studiare (magari laurearsi) in un settore per poi intraprendere una strada completamente diversa. Tu, per esempio, sei laureato in Economia e Commercio. Quando è nata la passione per la recitazione? E quando hai deciso di trasformarla in un vero lavoro? 

Sono laureato in Economia e Commercio ma sono stato sempre affascinato dal fantastico mondo del cinema, dalle storie che ci permettono di sognare, ci incoraggiano, dandoci la possibilità di diventare forse più coraggiosi.
Quelle storie che ci permettono di dare voce alle nostre paure, ai nostri desideri, ai nostri valori, di farci vedere quello che siamo ma anche quello che possiamo diventare.

Sin da piccolo, grazie ai miei genitori, ho avuto la possibilità di andare spesso al cinema e di essere rapito da quegli esseri umani che vedevo sul grande schermo. Loro erano in grado di farmi ridere, piangere, stupirmi, vedere ciò che non ero in grado di vedere da solo pur sapendo che tutto quello che vedevo era un film.

“Avviene per finta” mi dicevano.

Intervista Francesco De Vito Workshop Dal testo alla macchina da presa Il lavoro dell'attore

Intervista a Francesco De Vito – Il lavoro dell’attore

Allora ho pensavo che, proprio perché avviene per finta, gli attori devono essere una grande fonte d’ispirazione per la nostra esistenza perché le mie lacrime, o le mie risate erano vere!

Quindi ho seguito la mia passione, il mio bisogno: diventare un mezzo per raccontare delle storie e per continuare ad essere affascinato.
Siccome volevo anche avere il privilegio di poter giocare in eterno ho iniziato a studiare (cosa che continuo tutt’oggi a fare). In questo modo coltivo la genuina e dolce illusione dell’attore: interpretare e dare voce ad un essere umano.

Leggi “Let’s use our imagination” e le altre domande a Francesco De Vito!

SalvaSalva


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *